Il Centro Internazionale di Quartiere a caccia di “Talenti nel Quartiere” per il Municipio 4 di Milano. Gli artisti hanno tempo fino al 31 gennaio per candidarsi a partecipare al progetto.

L’iniziativa è rivolta ai creativi che hanno un legame con il Municipio 4, a cui appartengono le zone Porta Vittoria, Porta Romana, Forlanini, Monluè e Rogoredo. Un legame inteso come conoscenza del quartiere, possibilità e capacità di raccontarlo, attraversarlo, esplorarlo, esserne promotori attraverso forme di espressione artistica e creativa come la musica, la danza, l’arte, il teatro, la moda, la cucina, la letteratura, le lingue, la fotografia, il linguaggio del cinema e dell’audiovisivo.

E’ possibile candidarsi a “Talenti nel Quartiere” fino al 31 gennaio, inviando la domanda di partecipazione all’indirizzo mail progetti.ciq@gmail.com

Nella mail è necessario riportare i seguenti dati: nome, cognome, contatto telefonico, data e luogo di nascita, domicilio, una descrizione del proprio talento. E’ consigliabile allegare foto, video, audio, o un documento per presentare il proprio progetto. Due curatori seguiranno i talenti selezionati per creare insieme uno spettacolo che verrà messo in scena durante gli eventi in programma, nei luoghi del Municipio 4, in rete con le altre cascine del quartiere.

Partecipando a “Talenti nel Quartiere” ci sarà inoltre la possibilità di essere coinvolti in altre attività del C.I.Q Centro Internazionale di Quartiere – Cascina Casottello, come il Festival DoReMiFaSud, che avrà luogo a maggio 2020.

L’iniziativa sarà infine un’opportunità per partecipare a un concorso musicale e fotografico e alla festa finale della Rete Cascine a giugno 2020.

Talenti di Quartiere è un progetto di Cascina Casottello – Sunugal realizzato grazie al Bando Quartieri 2019 in partenariato con La Nostra Comunità, Nocetum, Cascinet e Cascina Cuccagna. Il progetto ha come obiettivo valorizzare l’espressione del talento artistico- musicale dei creativi nei quartieri del Municipio 4, fornendo loro l’opportunità di presentare la loro opera, creare un format condiviso di spettacolo con metodologie partecipative e di contaminazione tra i linguaggi espressivi.